La logistica del freddo

Ad-Log Group è specializzata nel trasporto merci e nella gestione della catena del freddo

logistica del freddo

Ad-Log Group grazie ai suoi magazzini e mezzi di ultima generazione, è in grado di garantire il rispetto della catena del freddo. Come? Grazie a un sistema avanzato di monitoraggio della filiera e un modello di testine innovativo.

Gestione della catena del freddo

Quando si parla di gestione della catena del freddo si parla del controllo costante della temperatura durante tutte le operazioni di trasporto logistica, stoccaggio e magazzino.
Ciascun prodotto con la sua temperatura che deve rimanere invariata e inalterata. Quindi carne ad esempio a +7 gradi, prodotti freschi a +5 gradi, latte a +4 gradi, surgelati a -18 gradi e gelati a -22 gradi.

Ad-Log Group grazie ai suoi magazzini e mezzi di ultima generazione, è in grado di garantire il rispetto della catena del freddo. Come? Grazie a un sistema avanzato di monitoraggio della filiera e un modello di testine innovativo.

I generi alimentari conservati a bassa temperatura vengono suddivisi in due categorie. Quella di lavorazione e conservazione dei prodotti freschi con intervallo di refrigerazione di 0-4 °C e quella dei prodotti surgelati trattati a temperature di lavorazione comprese tra -40 e-30 °C e mantenuti a temperature comprese tra -30 e-18 °C per la conservazione, il trasporto e la distribuzione.

Il viaggio nella catena del freddo inizia nel magazzino dotato di celle dove sono assicurate le condizioni di temperature, umidità e atmosfera modificata per accelerare o rallentare processi di maturazione.

Uscita dal magazzino la merce va nei mezzi Ad-Log Group e anche qui la catena del freddo viene rispettata. Prodotti che vengono trasferiti dal magazzino ai veicoli attraverso banchine dotate di adeguate attrezzature. I furgoni sono dotati di celle frigorifere con il controllo della temperatura.

La qualità della temperatura è un requisito fondamentale per il prodotto. È necessario sapere che ogni anomalia, o shock termico, ha effetti cumulativi e irreversibili sul prodotto oltre ad avere conseguenze in termini fisici e organolettici quindi rilevanti per l’esperienza di consumo legata al cambiamento del gusto, se non implicazioni batteriologiche.

Sei interessato a ricevere maggiori informazioni? Contattaci